Partner e Collaborazioni Un po di storia La Mission Qualitá
Le Cooperative Aderenti Servizi Programmi di formazione
Dati fiscali  

COMUNITA’ ALLOGGIO

PER MINORI
La comunità si occupa di minori dai 6 ai 18 anni di ambo i sessi che vengano a trovarsi in situazione di disagio (nello specifico: membri del nucleo famigliare con comportamenti devianti; situazione abitativa ed economica precaria; abuso o rischio di abuso; infermità mentale dei genitori; violenza fisica e/o psicologica; abbandono) per cui i Servizi Sociali abbiano decretato la temporanea o definitiva impossibilità a permanere presso il nucleo famigliare d’origine. Ospita ragazzi provenienti sia dalla zona circostante sia da tutto il territorio nazionale a seconda di quanto stabilito dall’Ente inviante e delle contingenti disponibilità della struttura ricevente. Al suo ingresso, il minore viene preso in carico dall’intera equipe e in particolar modo da un educatore che ne curerà la referenza in via esclusiva. Dopo un iniziale periodo di osservazione, l’èquipe elabora un progetto educativo individualizzato, definendo obiettivi concreti e verificabili sostenuti dagli strumenti ritenuti più adatti e dall’attivazione di risorse-idea. I ragazzi frequentano la scuola ed usufruiscono delle risorse presenti sul territorio (associazionismo, sport, catechismo…), e contemporaneamente la stessa comunità ha lo scopo di costituire risorsa per quanto riguarda la prevenzione di una cronicizzazione del disagio giovanile: attraverso di essa, in collaborazione con i servizi sociali e con l’amministrazione comunale, vengono infatti attivati progetti sia educativi che ricreativi come l’annuale estate ragazzi, il doposcuola, gli inserimenti diurni rivolti a minori a rischio.
All’avvicinarsi dei 18 anni, per chi non è previsto un ritorno in famiglia o un affidamento, esistono la convivenza guidata e i gruppi appartamento (per una più netta autonomia). La convivenza guidata è fruibile anche da minori che non abbiano vissuto presso la nostra comunità.

PER DISABILI
L’utente visita una prima volta la struttura insieme all’ente inviante e alle figure di riferimento (famiglia e non) e facendo conoscenza con gli operatori. In seguito, se l’inserimento viene considerato attuabile da tutte le parti in causa, la richiesta di ammissione viene sottoposta alla commissione di Unità di Valutazione Handicap (U.V.H) competente, sempre che questa non sia già stata effettuata. Ad ogni utente corrisponde una mini-equipe di riferimento (educatore e o.s.s.), il quale tiene conto della documentazione relativa all’ospite. La permanenza si apre con un periodo di osservazione di tre mesi in cui vengono coinvolte anche le figure professionali che collaborano con il servizio per gli aspetti sanitario e terapeutico-riabilitativo (infermiere, psichiatra, fisioterapista, psicologo, consulente sanitario, ecc.)., poi si procede alla stesura del progetto individualizzato su cui si baseranno gli interventi. L’intera equipe educativa si riunisce infatti periodicamente per la programmazione dettagliata delle attività. Il servizio assistenziale viene svolto prevalentemente dagli operatori socio sanitari e comprende sì la cura dell’igiene personale, la cura della persona, il supporto al pasto, eventuale pulizia e riordino, ma anche la realizzazione di attività strutturate e organizzate nel rispetto delle indicazioni e degli obiettivi dei singoli progetti educativi, sempre mirando al mantenimento e/o al recupero delle capacità residue dell’utente. 
Il servizio educativo invece viene gestito dall’educatore professionale attraverso la proposta di attività scelte e organizzate tenendo conto degli obiettivi del servizio e dei progetti individualizzati degli utenti. Ogni educatore professionale è referente di uno o più ospiti e di una o più attività che provvede a programmare.
Su richiesta dei committenti, nell’ambito del servizio educativo, è prevista la stesura di “relazione periodica” di aggiornamento.

Il servizio mensa viene gestito dal personale addetto alla cucina che, attenendosi al mansionario operativo ed al manuale HACCP si occupa della preparazione dei pasti quotidiani, e attenendosi al menu vidimato dall’Ufficio Igiene dell’ASL competente. Copia del menu ufficiale è esposto nel locale cucina. E’ fornito anche il servizio di lavanderia.
 
Contatto Dati Fiscali Area Riservata Home Consorzio Nuovi Orizzonti
Ringraziamenti e Links Mappa del Sitio